Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner,
scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformitą alla nostra Cookie Policy.
Benvenuti nel nostro Premio letterario!
Questo è un Premio letterario esclusivamente dedicato ai giovani, dai nove ai diciannove anni!
Perche’ un premio letterario per i giovani?

I giovani oggi sono i maggiori fruitori dei nuovi mezzi di comunicazione.
 
Sono sempre “connessi” con i loro amici reali e virtuali grazie agli smartphones , sono la cosiddetta generazione “pollice”.
 
Con facebook, twitter, whatsapp, usano soprattutto un linguaggio di immagini, di segni, lasciando pochissimo spazio alle parole, al linguaggio scritto vero e proprio.
 
Il Concorso ha lo scopo di rivalutare la lettera come forma letteraria e come forma espressiva, sensibilizzando i giovani ad un diverso uso della loro capacità di comunicare, a riprendere a scrivere con una penna e non solo con una tastiera, ad esprimere le proprie emozioni e sentimenti non solo tramite le immagini e gli emoticons, ma tramite la bellezza e la purezza delle parole ridando spazio alla fantasia, alla meditazione, alla riflessione. Nello stesso tempo si vuole rendere omaggio ad un’epoca in cui questo mezzo di comunicazione serviva a costruire un ponte con i luoghi di provenienza e permetteva agli emigranti di mantenere saldi i legami con le proprie radici avvicinando così terre tra loro lontane; ai soldati, ai prigionieri di mantenere viva la speranza di un futuro di pace con la propria famiglia.

Per chi fosse interessato a partecipare al premio, ecco tutto il materiale necessario scaricabile in PDF, anche in inglese e in serbo:

scheda di iscrizione.pngregolamento.pngscrivere una lettera.png criteri giuria.png
iscrizione inglese.pngregolamento inglese.png
evaluation criteria.png
giuria serbo.png
adesioneserbo.pngregolamentoserbo.png

    
Si ringraziano per la traduzione in inglese il signor Shannon Markel e la signora Chiara Benetti Markel e per la correzione della traduzione in serbo la professoressa di lettere Nataša Vasic, docente dell'Istituto Scolastico Comprensivo Zmaj Jova Jovanovic di Belgrado

© Associazione Culturale La Rondine - Cadegliano Viconagonotizie sul lavoro